5

E' tutto oro quel che luccica? La recensione in anteprima di Star Trek

Star Trek Poster Italia

Mi dispiace per voi, miei cari, ma io ieri sera mi sono goduto in anteprima il nuovissimo e luccicante Star Trek firmato e blasonato JJ Abrams. Da dove cominciare nel voler parlare di un film tanto atteso quanto sotto osservazione? Secondo me, forse è il caso di togliersi qualsiasi prurito, quindi partiamo subito dalle cose che possono far storcere il naso, o che comunque a me hanno dato qualche pensiero in più.

Winona Ryder è e resterà sempre una grande attrice, magari apprezzata molto più per il suo fascino che non per altre doti, Ma siamo sicuri della sua scelta nel ruolo di Amanda Grayson, madre di Spock? Al primo confronto con il figlio, ormai in età adulta (lui), lei gli è quasi coetanea: per quanto possano aver provato ad invecchiarla (ci hanno provato?) sembrano più sorella e fratello che madre e figlio. Ma è un dettaglio tollerabile considerando quanto la si vede nell’intero arco della pellicola.

La sala macchine dell’Enterprise. Fermate i motori ragazzi, ok che era tutto finalizzato a permettere a Simon Pegg di fare la sua entrata trionfante con tanto di battuta spettacolare nel mondo affascinante dell’equipaggio dell’ammiraglia, ma ne vogliamo parlare di quel dedalo di tubi, snodi, condotture e vapore? E dove eravamo, in un sistema fognario? Ma scherziamo? Quella è l’Enterprise, un po’ di decoroso, sacro rispetto… per favore!

***Attenzione SPOILER!!!
Dopo la scena precedente, credo che la cosa che possa far storcere maggiormente il naso ai puristi, sia la storia d’amore tra Spock e Uhura. Ma dico, stiamo scherzando? Non ho la conoscenza approfondita e dettagliata per scavare in tutti gli episodi delle serie tv e poter trovare giusti cavilli tecnici che possano fare accettare o meno questa realtà che ci è stata proposta – ammettendo che potrebbe anche starci considerando proprio la natura dei genitori del nostro vulcaniano preferito – ma a me viene in mente Star Trek V – L’ultima frontiera, dove se proprio vogliamo trovare del tenero nel cuore di Uhura, è più facile riscontrarlo tra lei e Scott. Per carità poi si può sempre dire, ok, tutto è possibile perché quello che ho citato io è uno spaccato avanti nel futuro di parecchie “decadi”, mentre quanto visto nel nuovo Star Trek, ci porta agli albori e ognuno può avere i suoi pregressi e le sue evoluzioni. Quindi mi rimetto alla clemenza della corte, voi cosa ne pensate?

Star Trek Chris Pine Zachary Quinto Eric Bana 38

Kirk. Veniamo al nostro amatissimo capitano. Non facente funzioni… Qui c’è un dubbio ammissibile, però l’impatto iniziale, prima che venga razionalizzato il tutto, c’è. O almeno per quanto mi riguarda. Siamo a bordo dell’Enterprise, sullo schermo possiamo vedere l’astronave romulana e il comandante Nero che non è disposto a battere una ciglia. E non lo fa nemmeno Kirk, accettando senza pensarci due volte, il destino che riserverà al nemico. Le premesse per il suo gesto non è che c’erano… di più! Che sia sempre stato un carattere “rasente” l’impulsività è fuori discussione, quindi anche lì, vada per come si è evoluta la faccenda. Aggiungiamoci che in varie occasioni William Shatner abbia sostenuto che in gioventù è stato spesso avventato… si potrebbe anche incastrare questo episodio nella casistica. Resta il fatto che se Nero non si piega, Kirk non ha esitazioni nel dare il suo comando.
***Fine SPOILER!!!

Beh, cosa guardate? Siete in cerca di altri difetti? Avete sbagliato recensione, io ho finito con elencare le “mancanze” che ho riscontrato, sempre ribadendo il concetto che non sono un esperto, ma solamente un appassionato e che ovviamente, tutto è sempre soggettivo. Ora passiamo ad elencare tutti i motivi che mi hanno fatto adorare questo film.

La scelta del cast – eccezion fatta per Winona Ryder che abbiamo già menzionato nella prima parte di questa recensione – è semplicemente superlativa. Andiamo in ordine di apparizione, più o meno, non pretendo di ricordarmeli tutti, ma almeno i primi sì dai 🙂

Star Trek Chris Pine Zachary Quinto Eric Bana 22

Eric Bana per la parte di Nero. No perché voi lo avevate riconosciuto? Sì per carità, lo sappiamo da sempre che sarebbe stato lui o chi si celava dietro a quel trucco, ma per carità, è fatto benissimo e lui regge tantissimo la parte. Cattivo fino al midollo, perseguitato dalla sua ossessione e ossessivo lui altrettante. Superlativo.

Star Trek Chris Pine Zachary Quinto Eric Bana 07

Chris Hemsworth nel ruolo di George Kirk, il padre di James Tiberius Kirk. No dico, ma dove lo avete trovato? Sono due gocce d’acqua!!! Per carità, con tutte le eccezioni del caso, ma per tutte le stelle della galassia, è credibilissimo il rapporto padre figlio, o meglio il passaggio di testimone da uno all’altro. Visualmente intendo dire.

Star Trek Screencaps Zachary Quinto Spock

Zachary Quinto alias Spock. Fate subito il test del DNA a lui e a Leonard Nimoy e dimostratemi che quest’ultimo non si è fatto clonare mentre indossava gli abiti di scena. Sono identiciiii. Qualcuno ha mai espresso pareri negativi durante tutto il tempo dell’attesa del film? Beh, aspettate che esca l’8 maggio al cinema e ricredetevi. Non ci si può limitare a dire che sia nella parte, lui è la parte! Le espressioni che riesce a regalarci, le emozioni tradite, quelle celate, i semplici gesti. Spock redivivo… anche se il precedente, calpesta ancora questo nostro suolo…

Star Trek Chris Pine Zachary Quinto Eric Bana 29

Chris Pine nei panni di James Tiberius Kirk, scusate ma cosa aveva fatto questo bamboccio prima? A parte l’ilarità, non sarà di certo Shatner, ma il personaggio lo veste benissimo, almeno l’irruenza ancora non doma da anni di esperienza è in ogni suo battito, trapela da ogni suo respiro. Che poi Kirk non si calmerà mai, lo sappiamo tutti, ma se lo dobbiamo pensare nelle vesti di un accademico ai suoi primissimi anni, quale miglior espressione di quel temperamento di quella che ci ha regalato Pine? Appunto, godiamocelo!

Star Trek Zoe Saldana Uhura

Zoe Saldana è Nyota Uhura e qui abbiamo esagerato. Con tutto il rispetto per gli anni in cui la serie Tv ha ammaliato milioni di persone, la versione moderna ha un fascino sexy che non teme confronti e paragoni… tanto che vi rimando alla sezione degli spoiler critici più sopra.

Star Trek Chris Pine Zachary Quinto Eric Bana 04

Bruce Greenwood è Christopher Pike, ha poche parti, ma abbastanza interessanti e le porta tutte a termine con il massimo dei voti. Ha quell’aria che incute rispetto in ogni sua azione e non si poteva chiedere di più a chi doveva prendere in consegna il destino e il futuro di un temperamento quale quello di Kirk.

Star Trek Chris Pine Zachary Quinto Eric Bana 28

Karl Urban è Leonard ‘Bones’ McCoy e si presenta con ottime credenziali: sin da subito personaggio affascinante pieno di spigolature e nella versione originale, ottimo il biglietto da visita che sottolinea il suo soprannome.

Star Trek Anton Yelchin Chekov

Anton Yelchin è Pavel Chekov, altro pezzo da 90 concentrato in piccole parti scolpite su misura. Prima dell’arrivo si Scott a bordo dell’Enterprise è lui il mattatore della scena… comica. Non conosco la versione italiana, ancora, ma quella inglese è superlativa, con la sua marcata pronuncia russa, spero si possa mantenere perché verrebbero meno momenti essenziali.

Star Trek John Cho Sulu

John Cho è Hikaru Sulu e anche lui non tradisce le aspettative. Dopo la prima gaffe iniziale proprio sotto gli occhi di Pike e ovviamente ripreso senza il minimo tatto da Spock – ma proprio non poteva essere altrimenti – si riprende e ci regala anche un paio di scene degne di nota.

Star Trek Screencaps Simon John Pegg Scotty

Simon Pegg è Scotty e se usiamo un po’ di immaginazione e aggiungiamo qualche chilo in più e d un paio di baffi, forse riusciamo a vederlo anche nell’immagine che tutti abbiamo ben impressa nei nostri ricordi. Solo che ha una marcia in più che è esaltante, ogni momento in sua presenza è una perla e la tensione cambia subito tono, assumendo dei ritmi di narrazione diametralmente opposti. Usato come catalizzatore di energie, smorza momenti difficili con battute ad hoc.

Ancora non siete convinti? Con cosa posso argomentare ora? Siete alla ricerca di forti emozioni? Io ho pianto durante il sacrificio di George Kirk, le sue parole con la moglie Winona mi hanno toccato e anche fatto sorridere allo stesso tempo; la scelta del nome del figlio poi è azzeccatissima. Poi commuoversi quando si vede per la prima volta l’Enterprise è dovuto, così come sulle battute finali – sulle quali spoilerava la recensione di Fantascienza che vi abbiamo già mostrato – oppure all’apparizione del vero e unico Spock aka Leonard Nimoy, al suo saluto inconfondibile… portatevi una scatola di Kleenex, vi servirà.

L’uso della telecamera a spalla è davvero incredibile: non esiste scena che sia statica, non una, non è concepito. Anche il dialogo faccia a faccia assume un dinamismo che rende sempre partecipi di quel che sta accadendo. Ogni minimo gesto è enfatizzato dall’essere seguito come se si fosse estensione soggettiva dell’azione in sé. Ricorrere poi in modo così smodato a controluce perenni, con effetto blooming onnipresente o quasi, aggiunge sicuramente la firma di qualcuno capace del proprio mestiere e che sapeva perfettamente quello che voleva realizzare e come ottenerlo. Se poi servivano altre firme, sparse un po’ ovunque nella pellicola ci sono citazioni e richiami vari che non possono farvi scordare in alcun modo che lo Star Trek che vi state vedendo, è un prodotto di Abrams. Guai a voi!

Rischierei di dilungarmi ancora per molto, ma forse è meglio fermarsi qui, il film lo dovete assolutamente vedere e poi tornare qui e dire su cosa siete d’accordo o meno con quanto ho scritto, apriamo un dibattito 🙂 E poi aspettatevi le recensioni degli altri che lo hanno già visto in anteprima come me.

Vi lascio al trailer, alla scheda del film, ai poster e a tutte le foto caricate nella nostra gallery.

.gallery {
margin: auto;
}
.gallery-item {
float: left;
margin-top: 10px;
text-align: center;
width: 33%; }
.gallery img {
border: 2px solid #cfcfcf;
}
.gallery-caption {
margin-left: 0;
}

swMovieEmbed();

Francesco